…CI SIAMO QUASI…

Oggi in Gazzetta Ufficiale, la numero 30 del 13 aprile 2018, è stato pubblicato l’avviso con le sedi regionali in cui si svolgeranno le procedure concorsuali per la prova orale del concorso per i docenti abilitati.
In tutti i casi in cui gli iscritti alla procedura concorsuale dovessero essere in numero inferiore alle 100 unità, verranno aggregati alle commissioni più vicine.
La Regione in cui si svolgeranno le prove sarà quella in cui ci sono state le maggiori adesioni alla procedura concorsuale.

Allegato 1

E’ inutile ricordarvi che le Regioni in cui ci saranno quasi tutte le procedure sono le stesse in cui i commissari nel precedente concorso hanno “tagliato” i loro colleghi, lasciando centinaia di cattedre vacanti.
Speriamo solo che non debbano nuovamente essere loro a gestire questa procedura. Noi intanto, per sicurezza, anche grazie ad un lavoro immane svolto in questi due anni, gli abbiamo tolto il colpo in canna, quindi potranno sparare solo a salve.

Queste le aggregazioni territoriali:

Allegato 2 – Prospetto aggregazioni Territoriali ruotato

…I PRIMI NUMERI DEL CONCORSO 2018

Allora 49.901 domande inoltrate, di queste 10.404 sono dei docenti di ruolo. Il che vuol dire in teoria che i docenti abilitati sarebbero non più di 39.497.  Probabilmente da questo numero andrebbero sottratti alcuni docenti ITP a cui è stato riconosciuto il diploma di maturità come titolo abilitante, dopo e  grazie a sentenze o riserve. Come previsto dal 2016 saremo circa 30.000-35.000 docenti abilitati.   Ma non dovevano essere 80.000 o addirittura 100.000 i docenti abilitati stimati dal MIUR pochi mesi fa? Già si fossero calcolati i numeri reali, che senso avrebbe avuto fare un nuovo concorso. Bastava un normale concorso per titoli.

Le nostre previsioni sono lì a dimostrare che non eravamo “spacconi” ma che due somme le abbiamo imparate a fare nella nostra scuola pubblica, tanto vituperata. Se invece di sparare numeri a caso si fosse fatta una semplice analisi dei dati, ora non saremmo qui a fare questo transitorio ottenuto in anni di lotte, con un dispendio di risorse ed energie.  Lo abbiamo sempre scritto e detto da anni, perché siamo abituati a ragionare ma soprattutto ad usare la logica.

A questo punto, visto il nuovo inserimento dei dati, ci aspettiamo in breve tempo il dettaglio dei numeri per classi di concorso, regione per regione, in modo da confrontare questi dati con i posti disponibili.  Mi piacerebbe dire a tutti quei professionisti del ministero di Viale Trastevere,  pagati con i denari delle nostre tasse, che se non siete in grado di fare questo lavoro minimo ed elementare, siamo disposti a farlo noi per voi gratis.

Ci basta un giorno se ci fornite i “numeri”. Vi facciamo tabelle, con disegnini e grafici, su qualunque supporto.

In attesa di una vostra risposta, vediamo di analizzare le poche informazioni fornite dal ministero. Risultano più domande presentate al Sud (23.476), seguite dal Nord (17.036) e dal Centro (9.389). La maggior parte delle domande proviene da insegnanti specializzati sul sostegno nella scuola di II grado e abilitati in Italiano, Storia, Geografia nella scuola secondaria I grado.

ECCO IL BANDO…

Qualche anno fa mi trovavo in Sila e commentando la foto scrivevo:


“Nei boschi della Sila questo raggio di luce ci segnala “una speranza” ma per realizzarla ci vuole la forza e la volontà delle persone. Con le chiacchiere davanti ai monitor si va poco lontano. Noi comunque ci siamo e andiamo AVANTI.”

Oggi quel raggio di sole inizia a illuminare un percorso, logica conseguenza delle nostre azioni:

Bando Concorso Abilitati 2018

Questa sera rileggendola, ho pensato che sarebbe stato un buon inizio per un post. Poi ho trovato una bella frase scritta da una sorella di lotta oltre che carissima amica, Mascia Meleo, che da sola basta a descrivere il nostro stato d’animo:
“Con questo bando vi regaliamo un po’ della nostra vita e un po’ di serenità”.
 
Noi ci abbiamo creduto già prima della 107/15. Soprattutto non abbiamo mai mollato, anche dopo la sua approvazione fatta a colpi di maggioranza, malgrado lo sciopero del 5 maggio e tutto il mondo della scuola contro.
Le umiliazioni invece di piegarci ci hanno forgiato e fortificato nel carattere.
Oggi raccogliamo ciò che nessuno ci avrebbe mai regalato, a cominciare dai sindacati per finire alle forze politiche.
Vorrei che fosse chiaro a tutti che le richieste per questo Bando, frutto ovviamente di una mediazione, erano già chiare e scritte dai vari gruppi molto prima della 107/15. Non solo a parole, ci sono fatti che testimoniano il nostro operato, sia nelle audizioni sia in aula alla Camera o al Senato, attraverso emendamenti e interrogazioni. Certo sono passati quasi quattro anni da allora, è vero, ma la soddisfazione di essere stati artefici di questo risultato ci rende sereni e più consapevoli del traguardo raggiunto.
Siamo stati in tanti ad aver contribuito e per non sbagliare evito l’elenco, anche perché sarebbe troppo lungo e sicuramente dimenticherei qualcuno. Ci dispiace molto per quelli che continuano a remare contro, ma ricordo che nessuno è obbligato, se ritenete ingiusto e illegittimo il risultato, prendetevi una vacanza e organizzate lotte e iniziative per ottenere di più. State sicuri che noi vi aiuteremo, perché l’obiettivo che perseguiamo è migliorare la nostra condizione per il bene della scuola in cui da anni “viviamo”.
Un ultimo saluto e pensiero lo dedico alla persona che di questo decreto è stata relatrice, soprattutto in questo periodo non proprio esaltante. Come scrivevo qualche giorno fa, gli auguro tutto il bene possibile, con la consapevolezza di sapere che la regola che muove le cose è sempre la stessa: “Quel che semini…raccogli. 
Buona guarigione!
Per tutti NOI invece auguro un buon transitorio con la speranza che questo ruolo, atteso da anni, arrivi al più presto.

ECCO IL DECRETO…

L’altra sera avevo scritto un post un po’ “duro” perché sono stanco di leggere commenti e attacchi faziosi solo per il gusto di contraddire e difendere un proprio interesse. Nella vita ho sempre cercato di guardare orizzonti lontani, evitando di restare ingabbiato nell’interesse personale. Devo dire che spesso ho pagato anche per questo, ma non mi sono mai posto il problema, ho sempre rivolto lo sguardo avanti, mai indietro. La vita come l’acqua trova sempre un suo corso naturale. Chi siamo noi per cambiarlo. Chiudevo il post chiedendo un favore a tutti noi. Cerchiamo di fare uno sforzo e di essere più obiettivi, usiamo e pesiamo le parole che scriviamo, evitiamo termini come: sterminio, strage, macelleria sociale e tante altre che si leggono in commenti e accuse. Lo dobbiamo alla nostra intelligenza e professionalità, noi che di questo sapere dovremmo essere i massimi attori.

Oggi comunque abbiamo finalmente il regolamento in G.U.

E’ quello che negli ultimi due anni abbiamo cercato di migliorare insieme a tanti altri. Evito i ringraziamenti a tutti coloro che hanno contribuito a rendere questo decreto…meno indigesto.  Visto però che la relatrice non attraversa un buon momento, ringrazio solo lei e credo di poterlo fare a nome di tutti voi che ci seguite da anni.

Grazie, Manuela Ghizzoni,  sono sicuro che la vita prima o poi rende quello che si è dato.   Sperem…

DECRETO 15-12-2017 Concorso 2018 ABILITATI

ASSEMBLEA SINDACALE

Assemblea sindacale 23/01/2018

Cari colleghi volevo ricordarvi che io e Nicola saremo relatori alla prossima assemblea sindacale provinciale organizzata dalla Gilda di Firenze. Già da fine novembre 2017 la responsabile provinciale prof.ssa Silvana Boccara ci aveva chiesto di organizzare insieme questa iniziativa sul nuovo sistema di reclutamento. Abbiamo dato subito la nostra disponibilità all’amica Silvana, visto l’impegno e le attività svolte dal gruppo negli ultimi tre-quattro anni sul tema del reclutamento. L’assemblea si terrà al Russell Newton di Scandicci dalle 8:00 alle 12:00 di martedì 23 gennaio (8:30-11:30 reali più 30 minuti per arrivo e rientro a scuola).
Se siete interessati alla partecipazione vi ricordo di compilare il modulo di adesione nella vostra scuola e con l’occasione vi chiedo di verificare se nella vostra scuola sia stata data ampia informazione sull’assemblea. In caso contrario vi preghiamo di segnalarci al più presto la mancanza. Potete richiedere ovviamente le ore effettive in cui sarete assenti rispetto al vostro orario personale di quel giorno. Questo per evitare di esaurire il monte ore a cui avete diritto che è pari a 10 ore.
Allego l’immagine del volantino.

https://www.facebook.com/domenico.bruni/videos/10212908078990896/

 

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO…

Come ogni fine anno chiudiamo con un breve resoconto delle attività svolte nel corso del 2017 augurandoci un cospicuo aumento del nuovo tesseramento per 2018.

Al contrario di quello che alcuni colleghi possono pensare, soprattutto negli ultimi due mesi, questo è stato un anno che ha visto dei risultati tangibili. Ottenere, insieme ad altri gruppi, la “riscrittura” dell’articolo 17 è stato un grosso traguardo, viste le premesse di settembre 2016. Oltre all’impegno fisico ci abbiamo messo risorse e viaggi continui a Roma, solo parzialmente coperti dal tesseramento 2017 che, contro ogni aspettativa, è notevolmente diminuito rispetto al 2016.
Niente di male, abbiamo sempre detto che la scelta di fondare l’associazione aveva e ha come obiettivo la sola possibilità di garantirci l’accesso ai tavoli istituzionali e nessun altro fine. Resta comunque la constatazione, confermata dalle iniziative svolte nel corso degli ultimi due anni, che si è leoni solo da tastiera…

Per il prossimo anno, dopo il concorso per abilitati, in uscita a gennaio e in successione quello per i colleghi con servizio (si parla di fine ottobre / dicembre), saremo impegnati soprattutto sulla formazione e la valutazione, con particolare riferimento all’ultimo anno di FIT. Da due giorni si è aperto un nuovo fronte che riguarda infanzia e primaria. Già sono allo studio forme di lotte in altri gruppi a cui non faremo mancare il nostro appoggio e partecipazione.

Per quanto riguarda il rinnovo o la nuova sottoscrizione all’associazione CDP, la modalità di adesione resta quella della compilazione del form presente sul nostro Blog dopo aver versato la quota minima di 10,00 euro. Una volta effettuata l’iscrizione sarà garantito l’accesso nel gruppo: “CDP – Assemblea Soci”, il quale ricordo è segreto dall’esterno (nel senso che solo gli iscritti possono vedere e leggere i post, niente di massonico per intenderci) proprio perché rappresenta per l’associazione la nostra Assemblea Soci OnLine.

https://docs.google.com/…/1Dvz5za4YVD3SzsW1q5QCdq…/viewform…

Ricordo che nella sezione file, trovate un allegato PDF con i dati delle due carte che comunque ripetiamo qui sotto:

Per Ricarica Postepay

Numero Carta 4023600913323129
Titolare Carta Nassi Cristina
C.F.: NSSCST78A64D403N

Per Ricarica su Postepay Evolution

Numero Carta 5333171014900589
Titolare Carta Bruni Domenico
Codice Fiscale BRNDNC63A20L049R
Con bonifico bancario/postale

Codice IBAN IT27R0760105138263512963515
Titolare Carta Bruni Domenico
Causale: Versamento quota 2018 Associazione CDP

https://www.docentiprecari.it/associarsi

Il Comitato Direttivo dell’Associazione vi augura:

Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

LA MINISTRA FIRMA…

La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha firmato ieri sera il decreto con le modalità di svolgimento del prossimo concorso per il reclutamento di docenti di scuola secondaria aperto a chi è già in possesso di abilitazione. Il provvedimento dovrà ora essere registrato dalla Corte dei conti e, subito dopo, il Ministero emanerà il bando per la presentazione delle domande di partecipazione.

“Il decreto firmato – spiega Fedeli – riguarda la prima di tre selezioni che stiamo avviando in base a quanto previsto da uno dei decreti attuativi della legge 107 varati ad aprile, che disegna un nuovo modello di reclutamento per fare in modo ci siano tempi certi e percorsi definiti per diventare insegnanti”.

Il decreto di aprile prevede una fase transitoria rivolta a chi oggi già insegna nella scuola. Il primo bando, cui fa riferimento il decreto siglato ieri, sarà aperto a chi è già abilitato all’insegnamento. Un secondo bando, di successiva emanazione, riguarderà chi insegna da tre anni come precario nelle scuole. Poi partiranno i nuovi concorsi ordinari per laureate e laureati, le cui vincitrici e i cui vincitori saranno immessi in percorsi triennali di formazione (FIT) con prova finale di valutazione che dà accesso, in caso di superamento positivo, alla definitiva immissione in ruolo.

“Avevamo promesso tempi celeri per questi provvedimenti e stiamo mantenendo gli impegni. Come annunciato anche in Parlamento, lo scorso 10 ottobre, il primo concorso, quello per abilitate e abilitati, sarà bandito in anticipo rispetto al termine che la legge fissa a febbraio 2018”, spiega Fedeli, che prosegue, “il nuovo sistema di reclutamento andrà a regime nel giro di un triennio interrompendo, finalmente, la prassi per cui si entrava nella scuola solo dopo un lungo precariato. D’ora in poi i concorsi avranno cadenza biennale. Le nuove regole garantiranno un’ancor maggiore qualificazione professionale delle docenti e dei docenti. E consentiranno alle e ai giovani che vogliono insegnare di non dover affrontare percorsi dal futuro incerto”.

Il decreto firmato ieri sera prevede una selezione aperta a chi ha una abilitazione o è specializzato sul sostegno, inclusi le docenti e i docenti già di ruolo. Le graduatorie di merito saranno regionali e formate sulla base di una prova orale (massimo 40 punti) e del punteggio derivante dai titoli e dal servizio pregresso (massimo 60 punti). Durante l’anno di formazione iniziale e tirocinio, il docente sarà sottoposto a visite in classe per verificarne l’attitudine alla professione. L’anno si concluderà con una valutazione che, se positiva, porterà all’immissione in ruolo definitiva.

La Ministra ha firmato anche il decreto con i criteri per la verifica in itinere e finale degli standard professionali delle e dei docenti che, dopo aver vinto il concorso saranno ammessi all’anno di formazione iniziale o, nel caso dei bandi per non abilitati e laureati, al cosiddetto FIT.

“La valutazione – chiude Fedeli – diventa una parte essenziale del percorso di inserimento delle docenti e dei docenti in classe. Per garantire un insegnamento di qualità alle studentesse e agli studenti. Ma anche per far sì che ogni docente possa essere accompagnato verso il ruolo definitivo rafforzando la propria preparazione, facendo ricerca-azione, confrontandosi con i tutor che saranno selezionati per verificare la loro attività ma anche per supportarla e aiutarne il miglioramento”.

..DI DOMAN NON C’E’ CERTEZZA

Scusate, vi rubo qualche minuto. Devo esternare un malessere che provo in questi ultimi giorni leggendo dei post e commenti che proprio non riesco a digerire. Intanto perché tutto parte dalle farneticanti elucubrazioni di mister farfallina, l’azzecca-garbugli de noi altri, l’uomo dei tagli, del merito, delle offese più ignobili agli abilitati PAS, del giullare della Gelmini. Ma vi siete già dimenticati dei 100.000 posti tagliati, del maestro unico e del grembiule di ordinanza?

Di lui scrive Rosa Sigillò nel suo gruppo:
“Max Bruschi oggi parla di GAE… qualcuno dovrebbe ricordargli che il decreto Tfa che lui scrisse interamente impediva l’accesso nelle suddette graduatorie. La restrizione la volle lui come volle lui togliere l’accesso in sovrannumero per i precari con 360 giorni di servizio. Fu una ripicca personale e null’altro. Quel decreto lo fece firmare alla Gelmini di notte a Desenzano del Garda. Fu sempre lui a volerlo chiamare PAS invece di Tfa speciale appunto per differenziare i due percorsi. Detto questo i PASSINI non dovrebbero nemmeno leggerlo o dargli credito visto che per anni li ha mortificati…”

Come dice il mio caro amico Pietro: “Se era così semplice riaprire le GaE perché allora ci hanno costretto ad andare a Roma 753 volte?!? Siamo proprio in mano a degli sciagurati”.
Dopo averlo scritto per non so quante volte, la riapertura delle GaE è sempre stata la soluzione più semplice e lo abbiamo detto e scritto tutti. I politici però a questa semplice soluzione hanno sempre detto…NO!
Sia chiaro però che se si dovesse ottenere una improbabile apertura su questo punto, di certo non dovremo ringraziare la politica e soprattutto mister farfallina…
Se decideranno di riaprire le GaE per gli abilitati, diremo tutti: BENE, anzi BENISSIMO.
Ma una cosa dobbiamo pretendere un secondo dopo l’apertura, l’immadiato inserimento e aggiornamento della stessa e non fra uno o due anni. Non solo perché siamo stanchi di aspettare ma soprattutto perché temiamo i futuri tagli del centro destra, probabile vincitore delle prossime elezioni politiche, anche grazie all’ultimo regalo di pinocchietto: il rosatellum.
Intanto a giorni ci sarà il decreto, questa è l’unica certezza e come diceva Lorenzo il Magnifico:

“Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.”

La primavera arriverà…non si può fermarla.

La primavera arriverà…non si può contenerla e fermarla.

Avevo scelto di staccare per tre giorni.
Leggo le risposte al post di Nicola Iannalfo, leggo le citazioni dell’articolo ben fatto di Barbara Monti sul suo Blog, mi torna in mente il comune detto: “Non c’è due senza tre”.
Per il riposo c’è tempo.

Inizio indubbiamente dalla “comica” sentenza che ha dato il via a tutto questo caos. Non ripeterò quello già scritto negli scorsi giorni. Scelgo di partire dalla frase che ci siamo sentiti ripetere dai politici al governo dal 2014: “…al ruolo nella scuola si accede per concorso”. Altrimenti non saremmo qui a parlarne e saremmo quasi tutti in ruolo. Ricordo che già alle audizioni della Camera nell’aprile 2015, il CDP attraverso la mirabile esposizione di Nicola Iannalfo (se volete riascoltarla, ho messo il link alla fine del post) chiedeva il concorso per titoli, come altri gruppi e alcuni sindacati e forze politiche.
L’errore più evidente della 107/15 è stato proprio quello di garantire alla maggioranza dei non docenti di avere un “passe-partout” per entrare in un luogo quasi del tutto sconosciuto, lasciando fuori coloro che da almeno 10 anni ci lavoravano. Scelta politica sbagliata in nome di un diritto che ha solo garantito che la scuola finisse nel caos malgrado i tre miliardi spesi.
Nel corso dei successivi due anni, grazie all’impegno, lotte e confronti abbiamo ottenuto una legge che garantisse anche agli abilitati il loro “passe-partout”. Sempre con un concorso, ma questa volta per titoli, servizio e prova orale senza voto minimo, che darà la garanzia a TUTTI gli abilitati di entrare in ruolo dopo il superamento dell’anno di prova (terzo anno di FIT). Si parla di numeri ridicoli rispetto al corpo docente, 30.000 su più di 700.000.

Certo qualcuno è rimasto fuori. Penso ai colleghi senza abilitazione, alla primaria e infanzia e ai docenti già in ruolo. In realtà per i primi c’è un concorso con scritto e orale che, se superato garantirà l’accesso a una graduatoria regionale che inserirà tutti in ruolo nel corso dei successivi anni. Aggiungo che anche qui i numeri sarebbero stati piccoli se a qualcuno non fosse venuta la malsana idea di chiedere solo un anno sulla materia e gli altri due anche su altra classe di concorso. Io stesso in teoria potrei fare addirittura 5 diversi concorsi. Lo dico perché i numeri sarebbero stati molto simili a quello dei docenti abilitati, il che avrebbe reso fattibile il concorso con sola prova orale senza voto minimo, graduando il loro inserimento in base alla GMR dopo gli abilitati.

Per la primaria, visti i numeri, si resta in attesa della decisione che la plenaria ha già preso e che a giorni ci dirà se i tantissimi colleghi, che da anni insegnano nella scuola, hanno il diritto alla stabilizzazione oppure restano precari. Nel secondo caso andrà prevista una nuova legge specifica.

Come ben specificato da Barbara Monti, non è nel potere del MIUR modificare o sovrastare una legge, quindi l’idea di occupare Trastevere mi sembra una boutade.
Quando si doveva e poteva fare, siamo stati per più di un’occasione non più di 200-300 temerari. Anche occupare il Parlamento o Palazzo Chigi la vedo dura, visti i tempi di fine legislatura, ma almeno avrebbe un senso visto che le leggi si scrivono e decidono li e non in Viale Trastevere.
Tornando però alla questione che turba le notti di molti colleghi, vorrei ricordare che esiste oggi una legge che prevede entro il ventotto febbraio duemiladiciotto l’uscita di un bando per i docenti abilitati. Siamo per caso a marzo duemiladiciotto? Questo nervosismo proprio non lo comprendo soprattutto perché è già in atto da settembre. Come dimenticare il conto alla rovescia di qualcuno.
Oggi abbiamo persino letto il parere del CSPI, ultimo nell’ordine dei pareri richiesti, sulla tabella titoli e servizio.
Si potrebbe addirittura vedere scendere dalle stelle prima di Natale il bando e chiedete di fermare il…treno?
Scusate ma chi ci guadagna in tutto questo?
Di certo non i docenti abilitati coinvolti. Avrei qualche idea in merito. Provo a fare un elenco: i contrari al transitorio, politici in primis, anche e soprattutto del PD, ma poi c’è il centro destra, qualche sindacato, qualche burlone nominato non si sa perché ispettore del MIUR, tanti masianielli, diversi avvocati compreso il più professionale ricorsificio che questo paese abbia mai conosciuto.
Potrei continuare ma di nemici né ho già tanti.

La verità che qui nessuno parla di scuola, di programmi farlocchi, ripetuti dalle elementari alle superiori, di valutazioni legate ancora a un mondo ormai in soffitta da anni, di colleghi in ruolo demotivati e in difesa di privilegi insieme ai loro sindacati e giudici. Leggendo le statistiche deve far riflettere se il bonus docenti è stato speso per frigo, lavatrici e nella migliore delle ipotesi per computer, mentre quello dei nostri diciottenni per 80% in libri e spettacoli culturali. Qualche domanda me la farei.

La citazione di Seneca mi piace, noi siamo marinai che sanno in quale porto vogliono approdare, che provino a fermarci.

La primavera arriverà…non si può contenerla e fermarla.

Per chi volesse risentire Nicola Iannalfo nell’audizione di aprile 2015, questo è il link al nostro blog.
https://www.docentiprecari.it/archives/124

IL SISTEMA NON REGGE

Il sistema non regge…

È chiaro che scuota gli animi, ma in realtà i numeri potrebbero essere residuali. Perdonate se esco dalla letargia per un paio di considerazioni…
Il sistema non regge! Questo è il vero nucleo del problema. Il DLgs 59 2017 e la 107 della quale è applicativo prestano il fianco ai numerosi ricorsi che molto probabilmente non bloccheranno le procedure ma le renderanno più farraginose. Peccato rendersene conto unicamente quando ad essere lesi sono i propri personalissimi interessi… da diversi mesi è in atto una campagna di destrutturazione del TRANSITORIO.

Ma un’altra drammatica lettura dell’attuale scenario è che non esiste una classe docente. Categorie come caste e avvocati benefattori. Forse qualche studio legale troverà il modo di inserire nel transitorio anche i collaboratori scolastici… ma non venitemi a dire che è una lotta per la parità dei diritti. Perché di palle ne ho sentite già troppe. Come docente di ruolo ho una coscienza e anche questa volta sto dall’altra parte della barricata. Non sono d’accordo alla partecipazione alle procedure concorsuali transitorie dei docenti di ruolo, non sono d’accordo semplicemente perché questa procedura straordinaria è l’unica garanzia che tanti docenti precari persi per strada possano finalmente tornare a casa.

Detto questo non so quanto senso abbia mettere una pezza ad una nave che affonda, spero sia giunto il momento di cambiare nave…

TABELLA SI, TABELLA NO…

TABELLA SI, TABELLA NO…

Non capirò mai perché ci si debba dividere e “offendere” per un Transitorio che ci metterà tutti in ruolo. Leggiamo di amicizie che saltano e persone che si insultano per qualcosa che dovrebbe unirci e darci una serenità meritata dopo tanti anni di servizio nella scuola pubblica o paritaria.

Tutto nasce dalla bozza presentata alle OO.SS. lunedì 23/10 da parte dei tecnici del MIUR, per avere pareri e condivisione sulle scelte in atto. Nella prossima settimana sarà la volta del parere del CSPI. Come sempre accade in questi casi, stralci e bozze sono iniziate a circolare verso la fine della settimana scorsa anche su alcune testate e commentati da giornalisti in sintonia o facenti parte dei soliti noti. Anche noi abbiamo avuto alcune segnalazioni e parti di bozze. Se dovessi fare un commento personale in tre parole direi: “poteva andare peggio”. Mi spiego meglio. Da quello che era trapelato diverse settimane fa, si prospettava una copia del bando 2016, dal quale comunque si è partiti. Il dialogo però, mai interrotto, ha prodotto una notevole apertura da parte delle istituzioni, dovuta anche agli errori evidenti fatti nel passato. Questo ha determinato alcune correzioni positive compresa quella di valutare, i 60 punti complessivi, attraverso tre sezioni, ciascuna con un punteggio massimo di 30 punti, suddivise nella sezione A per il titolo abilitativo, nella sezione B e C per gli altri titoli e un’ultima sezione D per il servizio. La somma ovviamente non fa sessanta ma novanta. Non c’è un errore. Evidentemente si è scelto di dare l’opportunità a molti di raggiungere questa soglia.  Scelta saggia, non c’è che dire, anche se sempre a vantaggio dei titoli rispetto al servizio. Si sa che i “raccomandati” sono ben rappresentati al MIUR, ma questa è un’altra storia…

Analizzando più in dettaglio le tre sezioni, troviamo una prima iniquità sul titolo di accesso, nelle due sezioni che riguardano la materia e il sostegno. Si è scelto di suddividere i 30 punti della Sezione A dando 15 punti al super bonus per il TFA e i restanti 15 punti in base al voto conseguito. Iniquità dicevamo, non tanto per il bonus in se, già previsto nel dlgs 59/17, ma perché lo si poteva attribuire nella Sezione B degli altri titoli, come è stato fatto per il dottorato. La ragione è presto detta. Potrebbe accadere che un docente con un voto di abilitazione inferiore a 76/100 non prenda nessun punto, così come chi sarà ammesso senza abilitazione, anche se con riserva. Sarebbe bastato attribuire 10 punti all’abilitazione, cioè a tutti gli abilitati e aggiungere un differenziale di 20 punti in base alla valutazione stessa. Il bonus del TFA poteva essere previsto nella seconda sezione degli altri titoli.  Per gli ITP la penalizzazione diventa addirittura doppia per chi non avesse raggiunto il voto di 76/100. Infatti non essendoci docenti abilitati con TFA, il punteggio viene attribuito tutto alla valutazione utilizzando la formula che prevede un moltiplicatore di 6 punti, per cui si arriva con 100/100 a 30 punti.

Nella seconda sezione spiccano indubbiamente i 20 punti assegnati, nella proposta, al dottorato. Effettivamente potrebbero sembrare troppi ma, considerando l’esiguo numero e la probabile mancanza di altri punteggi come il servizio, non troviamo questa supervalutazione poi così scandalosa, come qualcuno sostiene. La scelta invece di non mettere in questa sezione il bonus dei 15 punti attribuiti al superamento delle prove preselettive per il TFA, questa si che ci sembra più mirata e interessata. Intanto perché parte degli abilitati con TFA potrebbe avere anche il dottorato, per cui con il voto arriverebbe già a 50 punti, senza contare né le certificazioni, né gli altri titoli, né il servizio. Per il resto ritroviamo nella bozza tutti gli altri titoli già considerati nel precedente concorso 2016, aumentati ovviamente perché nel 2016 incidevano per 1/2 o 1/3.

Arriviamo così all’ultima sezione in cui si parla di servizio. Anche qui una piccola considerazione personale. Qualcuno sta chiedendo un’ulteriore aumento del bonus TFA in considerazione di quella che loro hanno definito “supervalutazione” del servizio, che dal terzo anno in poi varrà 5 punti. Solo a uno stolto può sfuggire l’astuzia che sta dietro questa subdola argomentazione. Vi faccio una domanda semplice: secondo voi chi è più avvantaggiato da questa ipotesi se con soli 7 anni si raggiunge quasi il massimo del punteggio (2+2+5+5+5+5+5=29)? Chi ha 10-15 anni di servizio o chi ne ha solo 7? Ricordo a questi signori che siamo docenti, mica allocchi.  C’è una novità rispetto al 2016, viene riconosciuto oltre al servizio specifico sulla materia anche quello aspecifico in altra disciplina. In pratica vengono attribuiti 1 punto per i primi due anni e 2,5 punti dal terzo anno in poi. Purtroppo è rimasta la penalizzante espressione “servizio continuativo” che già nel 2016 ha cancellato diversi anni di servizio anche con una interruzione di un giorno. Inoltre avendo previsto nel servizio specifico: “…l’insegnamento prestato su posti di sostegno alle alunne e agli alunni con disabilità è valutato solo nella specifica procedura concorsuale”, per evitare cattive interpretazioni, abbiamo consigliato di aggiungere: “Servizio di insegnamento prestato su altra classe di concorso rispetto a quella per la quale si procede alla valutazione, compreso il sostegno, …”

Queste le nostre considerazioni sulla tabella presentata ai sindacati. Vorrei però aggiungere che negli ultimi due giorni si susseguono prese di posizione e molte polemiche che rischiano sul serio di far saltare tutto. Non capisco proprio chi possa avere interesse affinché tutto si blocchi, di certo non ai precari abilitati che da decenni insegnano nelle scuole pubbliche. Personalmente resto basito. Non dobbiamo dimenticare mai che parliamo di una graduatoria a esaurimento regionale e che tutti entreremo in ruolo nel giro di due o tre anni. Qualcuno ha dimostrato ancora una volta che il proprio orticello conta di più della ricerca del bene comune e della scuola.

Charles Bukowski diceva: “Attenti a quelli che cercano continuamente la folla, da soli non sono nessuno.”

Non dovremmo mai dimenticare che siamo insegnanti ed educatori, intellettuali e cultori del sapere, mica “arrivisti”.

Buon fine settimana a tutti.

RIPENSANDO…

Ripensando a tutto quello che è accaduto negli ultimi anni e al mio percorso nel CDP,  mi sono resa conto che la nostra associazione ha percorso un pezzo di strada davvero importante. Eravamo quattro amici al bar, letteralmente.  Ora siamo un’associazione stimata ed apprezzata da molti, temuta da altri.  Dai primi girotondi in Piazza dei Miracoli, alle manifestazioni romane e fiorentine, ai convegni, alle riunioni in sale di lettura piene di storia e di storie, questi tre anni sono stati forieri di momenti memorabili. Siamo cresciuti moltissimo, ma a noi non basta. Vorremmo costruire qualcosa di diverso, qualcosa che sia davvero unico. Abbiamo in mente una conformazione nuova, forte e strutturata dove chi abbia competenze e volontà possa crescere e diventare parte fondamentale non solo dell’associazione, ma di una nuova idea di scuola.

Venerdì 29/9/17 il Direttivo si è riunito e ha dato vita a questa nuova idea di associazione. Abbiamo pensato di dedicare le nostre singole competenze ad ambiti ben precisi, che non parlano solo di precarietà, benché sia ancora un aspetto importantissimo della categoria docente. Sono mesi che riflettiamo su quali siano le necessità del mondo-scuola e vogliamo dar voce a tutte quelle istanze che, spesso, sono inascoltate. Capiteci bene, non saremo redattori di cahiers de doléances. Non ci limiteremo a fare la lista delle cose che non vanno. Vorremmo essere parte della soluzione non del problema. Per questo motivo abbiamo individuato varie aree di intervento e azione e ci siamo fatti carico di portare avanti progetti e proposte, nel pieno rispetto delle esperienze e con la massima fiducia di tutti i componenti del Direttivo. Le aree di azione individuate sono:

  • nuovo sistema di reclutamento e transitorio (FIT) affidato a Barbara Monti;
  • dlgs 59 e aspetti legislativi ad esso collegati, come i decreti attuativi di prossima pubblicazione affidati a Mimmo Bruni;
  • tutela dei docenti di ruolo e rinnovo del CNL, affidati a Laura Isolanii, Pietro Danesi e Nicola Iannalfo. Quest’ultimo, come sapete, rimane la nostra punta di diamante negli eloqui a palazzo ;
  • riforma dei cicli scolastici, affidata a Alessandra Lusini;
  • tutela della seconda fascia, affidata a Cristina NassiValeria Rosamunda Perri e Nadia Tavella;
  • infine, visto che all’interno del Consiglio Direttivo, non vi è nessun docente della scuola dell’infanzia e primaria, all’unanimità è stato deciso di collaborare col gruppo di Petra Gagliardi, che è una maestra della scuola primaria e che si occupa della garanzia dei diritti dei lavoratori del comparto scuola insieme a Vincenzo Capaldo.

Stiamo pensando anche alla terza fascia. La nostra associazione deve crescere. Ci aspettiamo che chi vuole stare con noi lo faccia davvero, aderendo formalmente al tesseramento e contribuendo non solo economicamente, ma con idee e proposte e critiche utili e necessarie. Ci piace pensare di essere una famiglia, una rete che si sostiene, vorremmo che per tutti voi fosse la stessa cosa.

Grazie di esserci, grazie a chi ci sarà.

Il Direttivo

#capisciamè…

Leggendo un post di un anziano sindacalista…comprendo la ragione per la quale non c’è più speranza di capirsi. La realtà avanza e loro restano attoniti ad osservare e magnificare il passato. Prima o poi la sveglia suonerà anche per voi.
Toc, toc signori le Gae sono quasi esaurite. Ma di quali convocazioni parlate. Ci voleva un sapientone per capire l’ovvio, che le convocazioni annuali non hanno più alcun senso finché non si coinvolgeranno anche i docenti abilitati di seconda fascia? Sono anni che chiediamo una chiamata congiunta.
Non ci voleva molto a comprendere che il grosso del lavoro verrà svolto dalle scuole che, attraverso le GI cariche di docenti abilitati e non, attribuiranno di fatto le cattedre e gli spezzoni. Speriamo che questa lotteria termini presto attraverso l’articolo 17 del dlgs 59. Diamoci quattro cinque anni e di tutto questo non resterà che un ricordo, come le vecchie cabine telefoniche.
Che poi sono gli stessi che per anni ci hanno gridato: “concorso, concorso, per voi c’è solo il concorso”. Bene c’è stato il concorso e ha segnato la più grossa discriminazione mai accaduta in Italia. Commissioni che hanno promosso al 100% e altre allo 0%. Dove eravate voi mentre questo accadeva, da quale parte eravate schierati, con i docenti di ruolo che bocciavano o con i precari che subivano un’ulteriore umiliazione. Se invece di gridare concorso per anni aveste preso il toro per le corna, chiedendo la riapertura delle GaE o un concorso per titoli oggi la supplentite sarebbe al 30%.
Comprendo bene che all’autocritica preferite i corsi e poi i ricorsi, ma il tempo e la pazienza sono finiti. Abbiamo bisogno di risposte e le andremo a prendere con chi ci tuteli sul serio, altrimenti lo faremo da soli, nei luoghi in cui si decide, senza altre mediazioni. Voi intanto potete continuare a rimpiangere i tempi in cui, insieme ad altri, manovravate i docenti come pedine di una scacchiera di cui vi sentivate padroni. Vi segnalo che gli anni che restano sono ormai pochi, potete continuare a divertirvi con le manovre per i ruoli (ora capisco bene perché così contrari alla chiamata diretta), ma il gioco prima o poi finirà, dovete accettare l’idea che siete ormai adulti.

Cari signori le persone si tutelano, non si usano.

DIARIO DI UN’ESTATE…BLU’


29 agosto 2017

Nicola Iannalfo

“classe V(X) Istituto( y)17 studenti e 21 docenti (insegnanti di materia, co-presenze, insegnanti di potenziamento, insegnanti di sostegno, insegnante di alternativa alla religione…) nel consiglio di classe” .  Basterebbe questo per abbandonarsi a una analisi induttiva, per concludere che tutti i colleghi che hanno il coraggio di non sentirsi a disagio in un contesto assurdo come questo siano insensibili alla deriva dell’istituzione “Scuola”… e sulla mia agenda annoto. Sono arrivato a 137 annotazioni… mi guardo nuovamente intorno e penso ai colleghi (maestri) appesantiti dalle 24 ore di lezione e inchiodati all’immagine ottocentesca del maestro unico, colleghe logorate negli anni dalla fatica sempre più insostenibile di una classe. Quando dico che la scuola deve essere ripensata auspico che lo si faccia incollando le agende piene di note di noi insegnanti, quelle osservazioni coraggiose che hanno la forza di proiettarsi oltre i nostri personalissimi interessi. Insegnanti che sanno osservare oltre la punta delle proprie scarpe. Così comincerà una nuova era… tutto deve partire da qui e soprattutto da noi.


29 agosto 2017

Mimmo Bruni

Lo scorso 12 agosto, all’ombra di un faggio secolare a 1400 metri di altitudine, rispondevo ad una serie di inesattezze lette in un gruppo. Ho risentito e riletto le stesse obiezioni e quindi…senza tanta fatica, riposto la risposta:

“Ma è così difficile leggere un decreto legislativo, invece di mettere ansia? Il bando uscirà entro il 28/02/2018. È scritto.

La prova orale quindi non prima di aprile. Gli abilitati rimasti saranno non più di 30.000 in tutta Italia (II fascia). Parliamo sempre di secondaria perché la primaria e infanzia è esclusa dall’articolo 17 del dlgs 59. Per quanto riguarda la possibilità di entrare subito in ruolo a settembre 2018, questo riguarderà ovviamente alcune CdC in alcune regioni, soprattutto in quelle in cui le commissioni hanno fatto razzie di bocciature. Però ripeto parliamo di un numero così ristretto rispetto alle supplenze che incideranno al massimo al 20%.

Un’altra stupidaggine letta su vari gruppi e su OS come una novità, nasce dalla mancata lettura del decreto che recitava già dal 16 aprile che i 24 cfu sono solo per coloro che faranno la nuova formazione e non per chi userà l’articolo 17 (fase transitoria). Ripetiamo quindi che sia i colleghi abilitati che quelli non abilitati ma con tre anni di servizio, possono utilizzare l’articolo 17 che prevede la sola prova orale per gli abilitati senza voto minimo cioè non selettivo (1 anno di FIT, l’ultimo retribuito come una supplenza annuale ma non ripetibile), mentre per i non abilitati prova scritta e orale con voto minimo (2 anni di FIT, il primo e il terzo).Ultimo appunto, la graduatoria regionale è praticamente ad ESAURIMENTO, cioè tutti i colleghi inseriti saranno prima o poi messi in ruolo.

Ma non eravamo in ferie…”


26 agosto 2017

Mimmo Bruni

Costruiamo insieme un nuovo PONTE…

Rientrato ieri dopo venticinque giorni di serenità fra mare e montagna, mi sento rigenerato e pronto a ricominciare da dove eravamo rimasti, l’articolo 17 del decreto legislativo 59 del 16/04/2017 e in vigore dal 31/05/2017. Risultato “conquistato” grazie alla collaborazione e la caparbietà di diversi gruppi e soprattutto persone e a all’ascolto e disponibilità dell’On. Manuela Ghizzoni.

E’ inutile fare un elenco degli attori che hanno contribuito al decreto legislativo, anche per non correre il rischio di dimenticare qualcuno. Quindi mi taccio. Cosa fatta, punto e a capo.

Inizierei questo nuovo anno scolastico con un desiderio: smetterla con le auto celebrazioni. C’è bisogno di tornare a far girare le nostre rotelle mentali, produrre nuove idee e stimoli per ripensare la nostra professione, mettendoci in gioco anche rischiando tutto. D’altronde ho sempre evitato sicurezza e stabilità, non vedo perché debba cercarla proprio nel lavoro.

Abbiamo bisogno di proposte nuove per la nostra professione, partendo dal dato incontrovertibile che la scuola, così come è oggi, non funziona più.

Lo si comprende da vari elementi, primo fra tutti il basso livello di scolarizzazione e rendimento dei nostri ragazzi o il cattivo rapporto con i genitori e con gli altri lavoratori, che continuano ad avere nei nostri confronti un atavico movimento del naso…quelli dei tre mesi di ferie. So benissimo che non è più così da tempo, ma evidentemente anche noi non siamo stati in grado in tutti questi anni di modificare questa “credenza” popolare. Aggiungerei la disparità di trattamento fra i docenti a tempo determinato e quelli a tempo indeterminato, operata anche dalle istituzioni attraverso bonus e formazione dalla quale, non si sa perché, sono esclusi proprio coloro che di questa dovrebbero beneficiare in primis, vista la loro precarietà.

E’ importante in questo momento iniziare a proporre NOI un nuovo modello di scuola, avviando degli stati generali fra docenti per ridefinire ruoli e mansioni, didattica e valutazione, programmi e progetti per evitare che la scuola, come il Titanic, assuma sempre più i connotati di un transatlantico rattoppato in attesa del totale inabissamento.

Costruiamo noi questo NUOVO ponte!


21 agosto 2017

Nicola Iannalfo

Il sindacato è morto! Una lenta agonia che per quello che mi riguarda è iniziata con la negazione della “scala mobile” negli anni 90. Una vetrina di ricorsi, di manifestazioni prive di contenuto, di convegni ammuffiti. Quando ci saremo resi conto che “sognare” il sindacato equivale a riesumare la mummia di Nefertari probabilmente i nostri gruppi sembreranno più quello che erano un tempo, una moltitudine con un cuore e un’anima. La scuola non è solo algoritmo e transitorio… ma è il “referto” di un organismo malato, agonizzante… inutile piangere al capezzale. Amici miei occorrono idee ma soprattutto un cuore e un’anima. È il momento di avere un’idea sulla scuola un po’ più strutturata. Vorrei che ci fosse partecipazione nei gruppi non soltanto quando si dipanano cavilli amministrativi, perché un precario fregato tra qualche mese sarà un docente di ruolo fregato. Noi siamo la scuola! non la politica o il “$indacato”


16 luglio 2017

Nicola Iannalfo

Quando al centro di ogni discussione si pone un’idea e non una persona certi dissapori non hanno motivo di esistere. Poco importa “chi o come”… la cosa veramente vitale è il “cosa”. Vitale perché intreccia la vita delle persone. Nuovi gruppi? Bene! Nuove idee? Meglio! Non si dileggiano iniziative, specie quando mirano a un fine ultimo condivisibile. Non si mescolano personalismi e diritti. Non viviamo di scoop ne’ di gossip. Noi siamo quelli che sono scesi in piazza, che hanno urlato per le strade cittadine, quelli che si sono sdraiati sui gradini del “palazzo”. Noi “tutti” siamo quelli che hanno ragione… come dissi qualche anno fa… “noi siamo quelli che remano dalla stessa parte e non quelli che si tirano il remo in testa”.


15 luglio 2017

Mimmo Bruni

12 PUNTI SI…12 PUNTI NO

Alcuni colleghi in privato continuano a chiedermi dei 12 punti del TFA attribuiti erroneamente nell’anno di tirocinio. Spero di ripetere in maniera chiara il concetto. Un docente abilitato con il PAS mettiamo che abbia preso 97/100 all’abilitazione, in seconda fascia da tabella A prende 12 per l’abilitazione più 6 punti una tantum. Il totale fa 18 punti. Il docente abilitato con TFA con lo stesso voto di abilitazione prende invece 12 punti per il voto conseguito, più 42 punti una tantum per l’abilitazione selettiva. Attenzione in questi 42 punti sono compresi i 12 punti del servizio eseguito durante il tirocinio (il tirocinio aveva la durata in teoria di un anno, non è stato così, ma questa era la direttiva legislativa). Qualche collega in realtà in quell’anno mettiamo abbia svolto una supplenza, anche solo di poche ore (che in teoria non poteva fare) che magari ha inserito nell’elenco dei servizi presentati con l’aggiornamento. In realtà dovremmo distinguere fra due casi, perché ad esempio i colleghi del TFA1 hanno già inserito il loro anno nel precedente aggiornamento. Quindi quest’anno avranno solo aggiornato la vecchia graduatoria aggiungendo gli ultimi tre anni. Per loro quindi il problema non si pone, anche se, se devo essere preciso, qualcuno avrebbe potuto chiedere un nuovo aggiornamento per ricalcolare il proprio punteggio. In questo caso riguarderebbe anche i colleghi abilitati con il TFA del primo ciclo.

Per i colleghi del TFA del secondo ciclo che hanno conseguito l’abilitazione in questo triennio il problema si pone eccome. C’è stato ad onor del vero anche una FAQ del ministero al riguardo informando che il sistema se non “manomesso” risolve l’errore. Manomesso vuol dire semplicemente che l’operatore di segreteria può giustamente non accettare la modifica e cambiarla manualmente. Quindi in realtà ci saranno casi in cui alcune segreterie avranno corretto l’errore e altre non lo avranno fatto.

Vale lo stesso per i titoli informatici, alcuni avranno lo stesso punteggio di tre anni fa e altri il punteggio dimezzato.

Anche qui considerate che il punteggio max è 2 punti, devo ancora capire come facciano alcuni ad averne tre o quattro, si torna alla regola della “manomettere” i dati.

Come sempre saremo noi i migliori vigili del nostro “malloppo”, chi avrà di più e fosse onesto, segnalerà l’errore, anche per evitare un conteggio richiesto dai colleghi scavalcati.


2 luglio 2017

Mimmo Bruni

L’altro ieri mi sono sentito con l’onorevole Manuela Ghizzoni, fra le altre cose le ho chiesto che sarebbe stato bello se lei avesse scritto quattro righe su noi docenti precari che ogni anno lasciamo la scuola il 30 giugno per riprenderla il 15-30 settembre.

La sua risposta mi ha lasciato un po’ interdetto. Mi ha spiegato che ci stava pensando da giorni, ma che evitava il post a causa del fatto di essere da un po’ di tempo oggetto e bersaglio di stalking da parte di alcuni docenti GaE (soprattutto primaria e infanzia), da molti docenti di terza fascia e dai soliti “unti dal signore”.  L’elenco era molto più lungo ma per economia ho evitato le altre categorie.

Non ho insistito più di tanto, perché ho compreso che la sua decisione fosse già stata meditata, per evitare che un messaggio di ringraziamento venisse interpretato come una provocazione e dare il via alle solite invettive e istinti di pancia.  Non mi sorprendo anche se a volte resto incredulo a leggere certi commenti. Fortuna che l’età mi ha vaccinato e anche le offese più meschine mi scivolano leggere. Sarà anche per la mia formazione tecnica  di architetto, preferisco analizzare le questioni attraverso lo studio analitico dei dati, individuare i problemi e cercare la soluzione più semplice ed efficace per risolverli. Invece continuo a leggere tante parole vuote, tante affermazioni sbagliate, come quella letta l’altro giorno in cui si  sosteneva che il transitorio doveva essere ancora approvato dal Governo.

Ricordo che quello che molti chiamano transitorio è semplicemente un articolo di una Legge dello Stato Italiano, anzi per essere precisi di un DECRETO LEGISLATIVO, il numero 59 del 13 aprile 2017, che recita: “Riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera b), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00067) (GU n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)”

Legge VIGENTE dal 31-5-2017


16 giugno 2017

Nicola Iannalfo

Un po’ di tempo è passato… da poche settimane io e altri colleghi avevamo fondato il CDP. I nostri incontri erano un groviglio di rabbia, speranza e passione. Quel giorno dovevo fare un brevissimo intervento a una assemblea regionale della Cgil a Firenze. Generalmente le mie parole terminavano con un attacco piuttosto diretto alla scarsa iniziativa sindacale a tutela degli abilitati di seconda fascia. Presi posto mescolandomi tra la folla, provando quella sensazione di disagio che avverti quando senti di non essere tra amici. Accanto a me si sedette un collega che avevo visto più volte nelle manifestazioni… ancora non lo conoscevo bene ma lui conosceva me o almeno conosceva il mio nome. Quando fu il mio turno mi disse con il suo accento “vai Nicola”. Non gliel’ho mai detto, e forse lui se ne è pure dimenticato, ma quel “vai Nicola”era la cosa di cui avevo bisogno in quel momento. Da quel giorno ogni volta che ho parlato, ogni volta che ho relazionato alla Camera o al Senato gli ho chiesto sempre di sedersi accanto a me. Grazie Mimmo Bruni. Grazie per quello che hai fatto e per quello che stai facendo in questi giorni per tutti nostri colleghi. Stai dedicando il tuo tempo alle ansie e alle aspettative di tutti gli insegnanti che devono presentare la domanda di inserimento nelle graduatorie di istituto. Ieri un collega mi ha confermato che alla UIL gli hanno chiesto 50 € per compilare la domanda per l’inserimento in graduatoria d’istituto. Per questo ringrazio tutti gli amministratori e colleghi che in qualche modo in maniera gratuita stanno prestando il loro aiuto ai colleghi in difficoltà…

DOPO LE GRADUATORIE E’ L’ORA DELLA NASPI…questa sconosciuta!

Dopo le Graduatorie è l’ora della NASpI…questa sconosciuta!

Breve guida per rendere a tutti la richiesta di NASpI una semplice Formalità

Finito lo stress delle Graduatorie… iniziamo con la richiesta di “prestazioni a sostegno del reddito” dopo la scadenza del contratto.
L’indennità di disoccupazione NASpI (Indennità di NASpI, Comunicazioni NASpI-COM, Anticipazione NASpI), spetta a tutti i lavoratori dipendenti che, dal 1° maggio 2015, abbiano perduto involontariamente la propria occupazione di natura subordinata, ivi compresi, apprendisti, personale artistico subordinato, soci lavoratori di cooperativa, dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione con inclusione dei lavoratori precari della scuola, lavoratori che hanno cessato il lavoro per dimissioni avvenute durante il periodo tutelato di maternità (da 300 giorni prima della data presunta del parto fino al compimento del primo anno di vita del figlio) o nei casi stabiliti dalla legge per giusta causa e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.
Il portale dedicato alle domande per “prestazioni a sostegno del reddito” consente l’invio online delle richieste per ottenere i benefici di assistenza economica previsti sia per i nuclei familiari sia per i singoli lavoratori in caso di disoccupazione, mobilità o diminuzione della capacità lavorativa.  Se siete registrati è possibile compilare e inviare la domanda telematica per NASpI. Per il pagamento di tutte le prestazioni a sostegno del reddito è indispensabile compilare, salvare e caricare nel servizio online per l’invio della domanda anche il modulo SR163 “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”, necessario per la verifica dell’ IBAN.
Il richiedente deve specificare la modalità di pagamento, già indicata nella domanda di servizio e, nel caso di accredito, anche i dati di riferimento dell’agenzia o filiale dell’istituto di credito (banca/posta) che effettua il pagamento con il codice IBAN, riferito al rapporto di conto del richiedente la prestazione, con data, timbro e firma del funzionario bancario o postale. Se invece avete conti correnti o carte prepagate aperti presso istituti di credito virtuali, è sufficiente inviare il documento rilasciato online dalla procedura di collegamento al conto nel quale appare l’intestazione.

Ecco le due operazioni da fare:

1. La prima operazione è registrarsi al sito dell’INPS e farsi mandare le credenziali, senza le quali le uniche operazioni OnLine che potrete fare sono solo la stampa dei modelli.
Io personalmente in questo caso, cioè se non avete ancora le credenziali, vi consiglierei almeno per quest’anno di recarvi direttamente all’ufficio provinciale dell’INPS più vicino e fare tutto a mano allo sportello. Perderete una mattinata o qualcosa in più ma per lo meno risolvete la procedura.

2. Se andate allo sportello ricordatevi di procurarvi la domanda NASPI e il modello SR163 compilato e firmato oltre che da voi anche dall’addetto del vostro Istituto di credito che apporrà sul foglio oltre alla firma anche il timbro.

Per rendervi la vita più semplice ho preparato un file PFD con le indicazioni e procedure da eseguire al computer, sperando in questo modo di rendervi la compilazione più semplice. Buon fine settimana.

Mimmo Bruni

 

Habemus decretum… n.59 del 13/04/2017

Non amiamo celebrazioni, ma anche oggi o meglio ieri, finalmente vediamo pubblicati in Gazzetta Ufficiale i decreti attuativi della Legge 107/2015.

Decreto Legislativo n59

Cominciavamo a temere un…ripensamento.

Scherzo ovviamente, ma di certo da oggi abbiamo la certezza che una piccola toppa è stata applicata all’ingiustizia perpetrata dalla 107 quando stabilisce il diritto a tempo, chi prima e chi dopo il 31/12/2006. Come se un diritto fosse stabilito da un politico di passaggio. Riporto l’articolo pubblicato dalla deputata Manuela Ghizzoni sul suo blog personale, a cui vanno i nostri ringraziamenti per essere riuscita nell’ottimo lavoro di mediazione,  che ha visto alla fine il voto favorevole della maggioranza ma anche della opposizione.

Tratto dal blog del onorevole Manuela Ghizzoni:  http://www.manuelaghizzoni.it/2017/05/09/italia-oggi-reclutamento-chiude-passato-stabilita-continuita-percorso-lungo/

” Il nuovo sistema di formazione iniziale e accesso al ruolo degli insegnanti della scuola secondaria opera un mutamento di paradigma: mai più defatiganti precariati a cui seguivano abilitazione e concorso, ma subito un concorso per accertare le competenze disciplinari e poi, solo per i vincitori, un percorso triennale retribuito di formazione, tirocinio e inserimento progressivo nella professione fino all’assunzione a tempo indeterminato.  Molta attenzione ha suscitato la disciplina transitoria, che condizionerà il successo del nuovo sistema se riuscirà a chiudere con il passato con equità, vale a dire avendo riguardo per i diritti degli attuali docenti precari, formati sul campo, dotati di esperienza e spesso in possesso dell’abilitazione all’insegnamento. Si tratta di una sfida complessa, che deve contemperare anche i diritti dei futuri docenti, i «nuovi entranti» nel mondo della scuola, e deve tenere conto dell’estrema diversificazione delle situazioni, per cui in alcune regioni e per alcuni insegnamenti il precariato storico è già esaurito o quasi, mentre in altre regioni e per altri insegnamenti in migliaia hanno già i requisiti per l’assunzione in ruolo.  La fase transitoria si rivolge a quattro categorie di precariato scolastico.

  1. La prima è formata dai docenti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (Gae), che hanno maturato il diritto all’assunzione per disposizione della legge 107.
  2. La seconda è costituita dai vincitori del concorso del 2016, che accederanno al ruolo sulla base della graduatoria di merito (Gm); a loro si aggiungono, per il periodo di validità della graduatoria, anche gli idonei.
  3. La terza categoria è formata dagli attuali abilitati.

Queste tre categorie si riferiscono a platee chiuse, destinate ad estinguersi, a differenza della quarta che invece continuerà ad alimentarsi in forme fisiologiche per le necessità strutturali della scuola: ci si riferisce ai supplenti non abilitati che comunque insegnano, in particolare su posti dell’organico di fatto non assegnabili a docenti di ruolo. Gli appartenenti alla terza e alla quarta categoria non hanno maturato il diritto all’assunzione, pertanto la disciplina transitoria prevede che dovranno sottoporsi ad apposite prove e percorsi valutativi e formativi differenziati. Un cardine di tutta la normativa è, infatti, che non si dà corso ad alcuna sanatoria, ma si graduano le prove e i percorsi di accesso alla scuola a seconda della formazione acquisita e dell’esperienza maturata. Così gli abilitati della terza categoria confluiranno in una nuova graduatoria di merito regionale (Gmr), mentre ai supplenti della quarta categoria, in considerazione dei servizi resi per il funzionamento della scuola per almeno tre anni, sarà riservato, a regime, un concorso biennale per l’inserimento in un percorso di formazione e accesso al ruolo.  Alla graduazione dei percorsi corrisponde quella dei posti riservati ad ognuna delle categorie. Il 50% dei posti vacanti e disponibili è innanzitutto destinato all’assunzione dalle Gae. Via via che esse si svuoteranno (in molti casi lo sono già), i posti residui andranno a disposizione, progressivamente, delle altre categorie. La disposizione transitoria determina poi come saranno utilizzati i posti vacanti e disponibili nei primi quattro anni, dal 2017/18 al 2020/21, al netto di quelli utilizzati per le Gae. Per i primi due anni, si tratta dei posti già banditi dal concorso 2016 e quindi andranno tutti alle Gm (ove fossero già esaurite, si attingerà dalle nuove Gmr). Nei successivi due (fatto salvo lo scorrimento di eventuali Gm ancora vigenti), tutti i posti del 2019/20 e l’80% di quelli del 2020/21 saranno riservati alle Gmr. Infine il 20% dei posti del 2020/21, più quelli eventualmente residuati dalle Gmr, saranno riservati ai supplenti non abilitati, secondo la graduatoria del loro concorso riservato (il primo sarà bandito nel 2018).   I posti vacanti e disponibili del 2021/22, al netto di quelli eventualmente riservati alle Gae, saranno riservati per un massimo dell’80% alle Gmr degli abilitati. Il 60% dei posti restanti (quindi al minimo il 12% dei posti iniziali) sarà riservato ai supplenti non abilitati, mentre l’altro 40% (quindi al minimo l’8% dei posti iniziali) sarà assegnato ai nuovi entranti sulla base del primo concorso che sarà anch’esso bandito nel 2018, in modo che i vincitori possano occupare i posti a loro destinati a partire dal 2021/22, dopo il triennio di formazione e tirocinio.   Queste percentuali saranno via via modificate per i posti disponibili dal 2022/23 in poi. La quota per gli abilitati scenderà dall’80% sino al 20%, che diventerà una percentuale fittizia appena la categoria sarà esaurita. La quota per i supplenti non abilitati scenderà anch’essa dal 60 al 20% a regime. In corrispondenza salirà la quota restante da assegnare interamente ai nuovi entranti.   La transizione per portare stabilità e regolarità a un sistema purtroppo viziato da scelte del passato disorganiche e contraddittorie è necessariamente lunga, ma in grado di garantire ai giovani spazi sicuri e crescenti. Ad esempio, su 100 posti del 2029/30 (banditi con il concorso del 2026), al massimo 20 saranno riservati agli abilitati (se ve ne saranno ancora), al massimo altri 20 ai supplenti non abilitati e quindi almeno 60 ai nuovi entranti. Un sistema di vasi comunicanti che, con lo svuotamento di alcuni e il parallelo riempimento di altri, potrà garantire equità e opportunità a tutti.”


Per utilità di tutti, allego il PDF del decreto attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale di ieri 17/05/2017 che andrà in vigore dal 31/05/2017 e da cui far partire l’orologio della tempistica prevista.

Decreto Legislativo n59

Ricordo le due date da non dimenticare ad oggi

(art.17 comma 6) – Entro 120 giorni, cioè indicativamente entro fine settembre il Ministro della Pubblica Istruzione dovrà emanare un decreto che preveda il contenuto del bando, i termini e le modalità di presentazione delle istanze, di espletamento della prova orale e di valutazione della prova e dei titoli, i titoli valutabili, nonché la composizione della commissione di valutazione.

(art.17 comma 3) – La procedura di cui al comma 2, lettera b), bandita in ciascuna regione e per ciascuna classe di concorso e tipologia di posto entro febbraio 2018.

 

 

Attachments

Coordinamento Docenti Precari

La forza che permette a un cavo di sollevare tonnellate di peso è il risultato di un insieme di fibre che si uniscono, si intrecciano e saldandosi permettono di scalzare macigni e ostacoli enormi.
Stare soli, sperando che il nostro semplice filo possa sollevare il nostro problema è stupido e arrogante.
Questa cosa mi è martellata in testa pesantemente in questi giorni. Spesso ho pensato a quanto fragile sia la nostra natura e condizione di docenti precari e quanta disperazione questa abbia generato in questi mesi. Per questo motivo vogliamo unire tutti i docenti precari della Toscana. Vi chiedo con questo nuovo progetto di condividere tutto: le vostre paure, le vostre ansie… ma soprattutto le vostre energie perché la nostra unione possa sollevare il peso che ogni giorno ci portiamo dentro.
Benvenuti a tutti voi.

Proviamo ad andare avanti insieme! 

 

WORK IN PROGRESS…

Work in progress…

Ore 9:00…

Come era ovvio che fosse, oggi il Consiglio dei Ministri del Governo Gentiloni, approverà i decreti attuativi della legge 107/15. Già una settimana fa lo avevo scritto che la data sarebbe stata anticipata e non perché avessi avuto una “soffiata”, semplicemente perché qui nel CDP sia abituati a usare la testa… 
Noi di tutte le deleghe abbiamo contribuito, con altri gruppi, alla modifica della bozza 377 che, come dicono a Firenze è migliorata “di morto”.
Per le altre…meglio non esprimersi.

Oggi al Consiglio Direttivo dell’Associazione oltre ad attribuire alcuni nuovi incarichi, ad iniziare dall’ampliamento dei membri del Consiglio stesso, indicheremo le future strategie dell’Associazione e del Gruppo.   Restiamo in standby…

Ore 15:00

Lo scrivevo stamani andando a scuola, non abbiamo ancora letto i decreti approvati, ma possiamo dire che un punto fermo è stato fissato. Questa sera dopo il Consiglio Direttivo, avremo una ragione in più per brindare e lo faremo pensando a tutti voi e a tutti i colleghi di altri gruppi che insieme a noi hanno tanto lavorato per questo primo obiettivo. Non faccio nomi per non dimenticare nessuno, ma un paio sono costretto a farne. 
Primo fra tutti un fratello conosciuto a Pisa, anche per questo ringrazio il PAS, senza il quale molte di queste amicizie non si sarebbero mai “incrociate”. Nicola Iannalfo, insieme a tanti altri, hanno segnato una piccola svolta nella mia vita normale, richiamando dal profondo quel vecchio impegno “politico”, vero, in cui gloria e interesse non hanno campo fertile. Girare insieme mani nella mano intorno alla Torre è stato uno di quei momenti dove capisci che le cose possono cambiare, se c’è la volontà di tanti a farlo insieme. Da quella unione d’intenti è nato il CDP.  https://youtu.be/z8RWPEgOz2Y

La seconda persona che voglio ricordare è una “compagna” di lotte, Rosa Sigillò , con cui a volte abbiamo avuto divergenze d’azione, ma della cui sincerità non ho mai dubitato un attimo. Con il MIDA abbiamo cercato sempre di mettere da parte gli interessi di bottega, per la semplice ragione che lottavamo per i lavoratori di quella bottega, senza nessun altro fine.

Infine ho scelto una donna della politica. Ne abbiamo conosciute tante in questi tre anni, con le quali abbiamo dialogato, scontrandoci talvolta, ma sempre nel rispetto dei ruoli reciproci. Ma fra tutti c’è solo una persona che ho sentito seria e vicina, intuendo subito che il dialogo con lei avrebbe avuto un senso. 
Eravamo a Firenze, in settembre, alla festa dell’unità, seduti all’ombra di querce secolari su una panchina come tante. Lei, io e Nicola abbiamo discusso con franchezza e sincerità, cercando di trovare possibili soluzioni da mettere in campo e possibili strade e strategie da perseguire per risolvere la questione rimasta aperta dopo le 88.000 assunzioni della 107/15. Le cattedre rimaste vacanti in diverse discipline anche a causa di tanti docenti abilitati “eliminati” in alcuni territori da commissioni “kamikaze”. Così come la questione di dare stabilità a coloro che nel corso degli ultimi 10 anni avevano totalizzato anni e anni di servizio. 
Sono certo che quel breve incontro ha aperto una breccia in quel muro alzato incomprensibilmente nel 2015, di cui ancora oggi non comprendo la ragione, dando la speranza a migliaia di docenti di arrivare finalmente, attraverso un lungo lavoro fatto di dialogo e confronto, a qualcosa di utile per la nostra scuola, tanto vituperata, ma sempre premiata e rispettata a livello internazionale. 
Ecco di tutti i politici il ringraziamento più sincero lo devo a lei, onorevole Manuela Ghizzoni, malgrado gli ultimi fraintendimenti, costruiti ad arte da altri per metterci in cattiva luce, ma questa è un’altra storia che è inutile riaprire. Grazie per l’amicizia disinteressata, per la disponibilità e la sua capacità di rimettersi in gioco, trovando soluzioni più condivise, per tutte le discussioni e i chiarimenti, anche in orari impossibili ai più. Grazie davvero a nome mio in primis, ma anche di tutta l’associazione che mi onoro di rappresentare, di tutto il nostro gruppo e di tanti altri colleghi che, pur fuori dal mondo virtuale di internet, sentono in cuor loro di aver ottenuto una possibilità concreta di stabilizzazione, dopo aver per tanti anni offerto il proprio lavoro alla scuola pubblica italiana.

Ore 00:55

Non amiamo celebrazioni, ma anche oggi o meglio ieri, vista l’ora, dopo il lavoro a scuola ci siamo riuniti a Empoli per il Consiglio Direttivo dell’Associazione. Riunione operativa ricca di decisioni, anche difficili… ma nel complesso giustificate dalla grandezza delle persone… A breve nel gruppo Assemblea Soci sarà inserito il Verbale che in sintesi posso anticiparvi con alcune decisioni prese: allargare il numero dei consiglieri a 10 inserendo nel Comitato Direttivo: Paola Brandi, Alessandra Lusini e Barbara Monti. Vista la decisione di Nicola Iannalfo di rimettere il suo mandato ritenendo giusto che a rappresentare le istanze future dell’associazione debba essere un docente precario, il Consiglio Direttivo ha nominato come nuova Coordinatrice Unica Nazionale: Barbara Monti. 
Chiuso il Consiglio, abbiamo ritenuto legittimo anche noi festeggiare questo primo risultato raggiunto con l’approvazione dei Decreti Attuativi della Legge 107/15. Purtroppo Nicola e Alessandra, per motivi famigliari, sono dovuti rientrare a casa ma abbiamo festeggiato come se fossero stati insieme a noi.
Un brindisi che dedichiamo a tutti noi del gruppo, ma anche a tutti gli altri.

¡Vamos!
Allons 
 Let’s go!
Avanti!

CI SONO MOMENTI…

“Ci sono momenti nella vita in cui non bisogna tirarsi indietro e questo è uno di quelli”.

Tra tutte le parole e le esortazioni che mi sono state rivolte in questi giorni di riflessione, queste sono quelle che mi hanno portata alla decisione definitiva: rappresentare il CDP, rappresentare i precari, rappresentarci. Non sono qui a dirvi che le cose da ora in avanti saranno più facili e non ho intenzione di raccontarvi storie sull’onere e sull’onore, perché le frasi ad effetto non mi si addicono. Sono però fortemente convinta che, ora più che mai, siamo di fronte ad uno snodo memorabile della politica e della storia italiana: sta a noi coglierne i frutti. Spesso mi ritrovo a parlare con colleghi sfiniti da questi anni di lotte e delusioni, i quali hanno negli occhi quella espressione un po’ spenta tipica di chi è estremamente scettico e stanco, tanto stanco delle solite manfrine. E’ da loro vogliamo ripartire, dalle loro storie, dalle vostre storie, pura esperienza contestualizzata. Perché è questo che ci accomuna, l’esperienza ovvero il trait d’union tra mondo del lavoro e formazione, la famigerata competenza che certifichiamo alla fine di un ciclo di studi. E allora ricominciamo da qui, da una sapiente miscela di conoscenze, abilità e attitudini, conformemente al paradigma del sapere, saper fare e saper essere. Chiediamoci se non sia il caso di pretendere di essere valutati come noi valutiamo i nostri alunni. Chiediamoci se vogliamo che progetti, formazioni, service-learning, didattica per competenza, TIC, interdisciplinarità, costruzione di adeguati ambienti didattici e management di classi, cdc, collegi e genitori debbano essere ciò per cui dobbiamo essere valutati. “Un mondo globale caratterizzato dall’innovazione tecnologica, prevede l’acquisizione di saperi in costante evoluzione e rapida obsolescenza; richiede un governo delle situazioni e del cambiamento che non può fondarsi solo sull’aggiornamento continuo di saperi, ma richiede l’utilizzo di capacità diverse, di tipo trasversale, che formano la persona in quanto tale.” (E. Lozupone). Ancora di più, domandiamoci se abbiamo la volontà di cambiarla questa nostra cara vecchia scuola e con lei il modello didattico puramente trasmissivo.

Lo chiedo a voi, colleghi cari.

Grazie e… Avanti, of course!

Barbara Monti

AVANTI

AVANTI…

Molti di noi si sono chiesti negli ultimi giorni  “ma davvero ci siamo?”  Ognuno si sarà data una risposta e anche se in molti la parola “concorso” mette ancora in agitazione assicuro, a quei pochi neuroni rimasti ancora increduli, che la nuova scelta delle forze governative di “graduare” invece di “selezionare” è un dato ormai certo.

Mi sono chiesto in questi giorni se avesse ancora senso parlare di Coordinamento Docenti Precari. Come fare a dimenticare le tante volte in cui ho dovuto “consolare” e “ricaricare” il morale di tanti amici e colleghi, che non ci hanno mai creduto. Qualcuno ci rimprovera che non diamo risposte immediate, che non ripetiamo fino allo sfinimento le nostre ragioni e azioni in atto, a differenza di altri. Ci dispiace ma siamo fatti così, non siamo abituati a ripeterci anche solo per motivare il gruppo e far sentire che ci siamo.

Però, vi assicuro, non abbiamo mai mollato e io in particolare non ho mai pensato che “loro” fossero così cambiati. Dico sul serio, anche quando nel 2015 ci siamo sentiti traditi e nel 2016 umiliati, non ci ho mai creduto.
Sarà perché non sono un istintivo, non mi abbatto facilmente così come non mi esalto mai. Sarà l’età ma sono abituato a capire, analizzare e trovare soluzioni chiare e limpide.

Il testo licenziato prevede un concorso orale riservato agli abilitati, con la sola funzione di graduare l’ingresso. Aver ottenuto poi l’indicazione del 40% massimo per la prova orale (si parlava addirittura del 70%) la trovo un’altra vittoria della mediazione che c’è stata. Chiedere meno non avrebbe dato alcun senso alla prova orale, che come nello scorso concorso dava 40 punti. Direi chiaro come il sole.

Vero che non abbiamo eliminato la prova concorsuale, ma ormai il mantra è chiaro e senza il voto minimo quella vecchia dizione “c’è concorso e concorso” questa volta è una vittoria vera.

Aspettiamo che il governo approvi il decreto attuativo e poi ci sarà da lavorare ancora sulle tabelle titoli, servizio ed esami. A occhio direi, visti i 40 punti dell’orale, resteranno da distribuire 60 punti. In teoria potrebbero andare tutti al servizio, visto lo spirito della fase transitoria ma non sarà così e sarei stanco di iniziare una nuova lotta fra colleghi. Forse potrebbero considerare l’abilitazione come uno “scritto” dando cioè una valutazione in base al punteggio da 2 a 20 punti, aggiungere max 10 punti per i titoli e lasciare 30 punti per il servizio (3 punti all’anno quindi max 10 anni).

Apriremo a breve un form in cui ciascuno di voi potrà proporre un rapporto adeguato fra le tre voci, in modo da fornire al gruppo una proposta condivisa dalla maggioranza.  Abbiamo la possibilità di proporre così come per il piano transitorio una nostra proposta e ogni riflessione sarà fondamentale.  Noi decideremo, come sempre, insieme a voi.

Avanti!

Mimmo Bruni

Cod Fisc 91044730488

Vai alla barra degli strumenti