DOPO LE GRADUATORIE E’ L’ORA DELLA NASPI…questa sconosciuta!

Dopo le Graduatorie è l’ora della NASpI…questa sconosciuta!

Breve guida per rendere a tutti la richiesta di NASpI una semplice Formalità

Finito lo stress delle Graduatorie… iniziamo con la richiesta di “prestazioni a sostegno del reddito” dopo la scadenza del contratto.
L’indennità di disoccupazione NASpI (Indennità di NASpI, Comunicazioni NASpI-COM, Anticipazione NASpI), spetta a tutti i lavoratori dipendenti che, dal 1° maggio 2015, abbiano perduto involontariamente la propria occupazione di natura subordinata, ivi compresi, apprendisti, personale artistico subordinato, soci lavoratori di cooperativa, dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione con inclusione dei lavoratori precari della scuola, lavoratori che hanno cessato il lavoro per dimissioni avvenute durante il periodo tutelato di maternità (da 300 giorni prima della data presunta del parto fino al compimento del primo anno di vita del figlio) o nei casi stabiliti dalla legge per giusta causa e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.
Il portale dedicato alle domande per “prestazioni a sostegno del reddito” consente l’invio online delle richieste per ottenere i benefici di assistenza economica previsti sia per i nuclei familiari sia per i singoli lavoratori in caso di disoccupazione, mobilità o diminuzione della capacità lavorativa.  Se siete registrati è possibile compilare e inviare la domanda telematica per NASpI. Per il pagamento di tutte le prestazioni a sostegno del reddito è indispensabile compilare, salvare e caricare nel servizio online per l’invio della domanda anche il modulo SR163 “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”, necessario per la verifica dell’ IBAN.
Il richiedente deve specificare la modalità di pagamento, già indicata nella domanda di servizio e, nel caso di accredito, anche i dati di riferimento dell’agenzia o filiale dell’istituto di credito (banca/posta) che effettua il pagamento con il codice IBAN, riferito al rapporto di conto del richiedente la prestazione, con data, timbro e firma del funzionario bancario o postale. Se invece avete conti correnti o carte prepagate aperti presso istituti di credito virtuali, è sufficiente inviare il documento rilasciato online dalla procedura di collegamento al conto nel quale appare l’intestazione.

Ecco le due operazioni da fare:

1. La prima operazione è registrarsi al sito dell’INPS e farsi mandare le credenziali, senza le quali le uniche operazioni OnLine che potrete fare sono solo la stampa dei modelli.
Io personalmente in questo caso, cioè se non avete ancora le credenziali, vi consiglierei almeno per quest’anno di recarvi direttamente all’ufficio provinciale dell’INPS più vicino e fare tutto a mano allo sportello. Perderete una mattinata o qualcosa in più ma per lo meno risolvete la procedura.

2. Se andate allo sportello ricordatevi di procurarvi la domanda NASPI e il modello SR163 compilato e firmato oltre che da voi anche dall’addetto del vostro Istituto di credito che apporrà sul foglio oltre alla firma anche il timbro.

Per rendervi la vita più semplice ho preparato un file PFD con le indicazioni e procedure da eseguire al computer, sperando in questo modo di rendervi la compilazione più semplice. Buon fine settimana.

Mimmo Bruni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.