Che bella CONVERSAZIONE

Condivido molto questa conversazione, la trovo l’essenza del fare scuola, le parole di Ludovico e Giuseppe aprono una pagina del nuovo modo di fare scuola in futuro.
Oggi è il 75° anniversario della Liberazione dal nazi-fascismo, quale migliore giornata per rifondare una nuova idea di scuola, fondata sull’UMANITA’, sul rapporto generazionale fra docente e discente, dove certo il fine rimane la formazione ma questa deve avere una sua anima formativa della persona a tutto tondo e non la mnemonica ripetizione di un sapere avulso dalla realtà.
Questa esperienza drammatica ci deve insegnare che si può ripartire ricostruendo le nuove regole dello stare insieme, in cui la passione e l’ingegno debbano avere uno spazio adeguato e noi docenti come scuola dobbiamo essere in grado di recepire e trasformare in una azione formativa che faccia dei nostri alunni dei cittadini migliori.
Giuseppe dice: “…Se noi riuscissimo a dire la scuola è un’avventura collettiva, è una scoperta collettiva, del mondo, di se stessi e in questa avventura collettiva voi dovete decidere i sentieri insieme all’insegnante…”
Quanta verità!
 
Grazie davvero Giuseppe Bagni e Ludovico Arte,
sentirvi parlare mi ha regalato una bella giornata di Liberazione.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.